galleria immagini

ITTUM

Basterebbe che ognuno seguisse ciò che ha nel cuore.                                                                     Basterebbe rovesciare le architetture della  mente. La cecità che ci impedisce di osservare la natura con le sue necessità primarie. 

Basterebbe esistere.

A volte la mia pittura, sembra un lavoro sull'ombra. 

Cercando con velocità per non pensare, trovo proprio quello che non so cercare. Un desiderio che scivola piano nel non sapere.                                                                                                              

Per possedere il mio tempo senza la dannazione dell'economia, del superfluo, del potere, non mi è restato che un ragionevole insuccesso.                                                                                                        La verità è che ho gettato nel futuro un sogno e lo perseguo con la stessa ostinazione con cui il naufrago, le unghie nel legno dell'albero galleggiante, guarda ogni giorno l'orizzonte. 

A volte la vita è difficile e faticosa.                                                                                                     

Altre volte no, mi corre incontro come acqua di fiume. 

In fondo, bisognerebbe ascoltare quelli che nessuno vuole ascoltare. Alimentare il desiderio e, come diceva Tarkovsky, urlare al mondo che costruiremo piramidi, anche se poi non le costruiremo.

Imparare ad amare senza pretendere d'essere amato è la sola forma per sentirsi davvero amati.  

E’ un’eterna contraddizione che ci spinge dove non c’è iperbole, ma solo silenzio. 

E il silenzio ha tutte le porte aperte alla bellezza. 

E' così che immagino l'arte. 

Una profonda emozione. Una intimità che può illuminare il mondo.  

Per un attimo d’eternità.

Così, insieme alle 50 immagini che compongono questo libro,  avevo scritto al mio caro amico Jean Noel rendendolo partecipe del mio progetto e chiedendogli un suo parere critico.                      La risposta, qui riportata fedelmente non è solo una testimonianza di stima e di amicizia, ma di quanto sia necessario e vitale, lo scambio tra artisti, merce oggi assai rara dal momento che tutto è diventato mercato e dunque, ipocrisia, odio, assenza di confronto. 

Caro Giancarlo,

le immagini lavorate ad inchiostro di questo libro sono belle, forti, commoventi, le tue metamorfosi, le sospensioni nel tempo, nell'aria, in cielo e nella terra, uomini e bestie e alberi castrati, sradicati, in un alfabeto e in un’algebra sprizzante, geometrica, piena di suoni misteriosi, di vibrazioni d'ali tra i mondi angelici e la notte ctonia dei cimmeri, che la trasparenza, anziché  chiarire, fa entrare nel più profondo e squilibrante sentimento esistenziale di chi è assorbito nel contemplare le tue opere.                                                                                                                             Sono affascinanti : ipnotizzano in un batter d'occhio, in un batter d'ali, in un battito di cuore vesuviano, laddove, lo sai bene, la roccia più dura si fa fiume di fuoco.                                                  Hai saputo, come nessuno, ex-votare le nostre esistenze.                                                                       L'arte tua, non solo colpisce e stravolge come un orgasmo, ma nel turbinio delle nostre cifre vitali, VFGR, o VFGA, o GR, ci riempie di grazia umana. Per la nostra più grande felicità, ci fai perdere il senso della gravità, come dopo la prima forte lunga scossa di un terremoto. 

Ci fai a pezzi. Ci smembri per rimembrarci diversamente.                                                                        Per, poi, contemplando le tue opere, da loro penetrati, farci ritrovare il passo e lo sguardo giusto sul nostro universo. GR, grazia ricevuta : grazie Giancarlo 

 

Jean-Noël Schifano